Come creare un'impresa innovativa?

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

 Come creare un'impresa innovativaL’era digitale sta decisamente entrando nella sua fase più matura, permeando sempre di più ogni aspetto della nostra vita quotidiana. Le innovazioni tecnologiche non stanno cambiando soltanto la nostra cultura e le nostre abitudini, ma anche il modo di fare business. Oggi è possibile sapere come creare un’impresa innovativa con maggiore facilità rispetto al passato, ma bisogna essere consapevoli di muoversi in un mercato estremamente concorrenziale.

Startup e imprese: che significa innovare?

Prima di vedere come creare un’impresa innovativa, dobbiamo cercare di capire il significato del concetto di innovazione. Per innovare è necessario introdurre nel sistema economico e sociale un’idea originale, un prodotto nuovo, un servizio che nessuno ancora offra oppure sfruttare qualcosa che già esiste ma utilizzandola in maniera diversa. Inoltre l’innovazione è direttamente legata allo sviluppo tecnologico, quindi l’idea alla base dell’impresa deve portare a un avanzo tecnologico rilevante.

Non basta offrire un prodotto originale. Per avviare un’impresa innovativa bisogna investire nella ricerca e nello sviluppo, partendo sempre da un bisogno specifico delle persone e offrendo loro una soluzione ideale a un problema. Per questo spesso le migliori startup del mondo nascono a stretto contatto con le università e con i centri di ricerca, perché queste sinergie possono valorizzare le innovazioni tecnologiche presenti e utilizzarle per portare soluzioni valide nella realtà economica.

Vediamo nello specifico 5 suggerimenti per avviare un’impresa innovativa di successo nel 2018.

1- I settori più promettenti del 2018 per le startup

Dalle imprese premiate allo Startup!Italia! Open Summit del 2017 è possibile capire i settori attualmente più promettenti, quelli in grado di offrire le migliori opportunità del momento a una giovane azienda nella fase di startup.

Sicuramente va molto forte il settore legato alle energie rinnovabili e al biologico, che continua a crescere ogni anno sia in Italia che nel mondo. Le persone vogliono rispettare l’ambiente, mangiare sano e ridurre il proprio impatto sull’ambiente, ma senza rinunciare alle comodità dell'era moderna.

Altri settori in forte crescita sono l’automazione, dove vengono sfruttate le nuove tecnologie di intelligenza artificiale e machine learning, il biomedico, le nanotecnologie, la robotica commerciale, il riciclo creativo, il turismo di lusso e quello low cost, il benessere, i servizi a domicilio e il commercio digitale. Le opportunità sono innumerevoli, ma è complicato trovare l’idea giusta, sviluppare un progetto concreto che possa trovare sbocco all’interno del mercato. 

2- Come trovare la nicchia giusta

Per creare una startup innovativa bisogna trovare un target di riferimento, un gruppo di persone alle quali rivolgersi. Il progetto imprenditoriale deve essere incentrato sulle esigenze di alcuni soggetti precisi, accomunati da interessi comuni. Per esempio ci si può rivolgere ai giovani adolescenti, a una categoria professionale come i medici o gli architetti, agli studenti in Erasmus, ai disoccupati o alle madri di famiglia che lavorano.

Una volta individuato il target è fondamentale studiarne e analizzarne i comportamenti e i bisogni, interagendo con loro per scoprire quali siano i problemi che riscontrano nella vita quotidiana. Trovare un problema specifico da risolvere è una condizione cruciale per una startup di successo, che in questo modo può cercare di sviluppare una soluzione in grado di migliorare la qualità di vita delle persone.

Ovviamente ci si può rivolgere anche a una comunità, non solo a un gruppo di persone, offrendo soluzioni di carattere sociale che coinvolgano un intero gruppo sociale.

3- Come sviluppare un progetto imprenditoriale

Trovato un problema da risolvere bisogna cercare di offrire una soluzione innovativa. Per farlo è necessario creare un team di progettazione e sviluppo, in base alla nicchia e al settore di riferimento. In questa fase la professionalità è fondamentale, perché bisogna essere in grado di utilizzare la tecnologia per trovare una valida alternativa a ciò che già esiste.

È importante valutare varie alternative, sperimentando diverse idee e valutando lungo il cammino quella più adatta allo scopo.

Inoltre è fondamentale testare l’innovazione su un gruppo ristretto di persone, per esempio offrendo loro di provare la propria app gratuitamente in cambio di un feedback. Il team di lavoro deve essere affiatato, qualificato ed eterogeneo e deve lavorare in un ambiente creativo e stimolante.

Possibilmente bisogna evitare di esercitare pressione sui membri del gruppo di sviluppo, perché spesso la fase di progettazione può essere lunga e complicata, ma deve seguire un corso quanto più naturale possibile.

4- Come creare un'impresa innovativa: la fattibilità economica della propria idea

Non basta pensare e progettare un nuovo prodotto o un servizio unico e originale, un’impresa deve avere un modello di business sostenibile. Ciò significa che l’idea deve essere innovativa ma anche fattibile a livello finanziario, garantendo un ritorno economico agli investitori. Le fasi di sviluppo e progettazione di una startup sono estremamente costose, lunghe e complesse, per questo sono necessari ingenti finanziamenti. Le risorse economiche possono giungere da finanziamenti pubblici o privati.

Nel primo caso è indispensabile rispondere ai criteri del bando, per rientrare all’interno dei parametri stabiliti e accedere ai finanziamenti pubblici.

Nel secondo caso invece, sia che si tratti di crowdfunding che di investitori professionisti, è fondamentale avere un business plan.

Nessuno vi darà mai del denaro in prestito se pensa che non lo riavrà indietro, perciò la vostra impresa deve poter offrire degli utili nel medio e lungo periodo, altrimenti vi potreste ritrovare senza i finanziamenti necessari alla creazione della vostra idea imprenditoriale.

5- Come sviluppare un business plan

Come abbiamo visto è importante avere un business plan per trovare i finanziamenti, ma come fare per realizzarlo? Bisogna impostare degli obiettivi, degli step da raggiungere in un determinato tempo che possano scandire le varie fasi del progetto. Inoltre è necessario valutare tutti i costi, sia per quanto riguarda lo sviluppo dell’impresa, quindi la fase di startup, sia per il lancio del prodotto o del servizio, ovvero per la sua commercializzazione e per sostenere le relative campagne di marketing.

Nel business plan devono rientrare anche lo studio del mercato, del target di riferimento e dei concorrenti, le aspettative sulle vendite, le tempistiche sul rientro degli investimenti, il momento giusto per il lancio, la gestione dei processi produttivi e logistici e molti altri aspetti ancora. Oltre a mostrare la validità del progetto agli investitori, creando fiducia nei finanziatori, il business plan aiuta a percorrere tutti i passaggi che portano alla commercializzazione finale dell'idea di partenza della vostra impresa innovativa. 

Le migliori startup italiane del momento: quali sono e cosa fanno

Prendiamo un po’ di ispirazione da chi già già lavorando in questa direzione, cercando di creare un’azienda moderna, ed analizziamo quali sono le migliori startup del momento in Italia e nel mondo e di cosa si occupano.

Come creare unimpresa innovativaNel nostro Paese le imprese innovative stanno aumentando anno dopo anno, merito delle politiche di finanziamento e supporto alle startup che incentivano lo sviluppo tecnologico e imprenditoriale. Per farsi un'idea basta dare un'occhiata alle imprese premiate nello StartupItalia! Open Summit 2017, l’evento annuale più importante del settore dedicato alle migliori startup italiane.

Tra queste c’è Greenrail, una startup che è riuscita a progettare e a produrre una traversa ferroviaria completamente ecologica, ottenuta utilizzando esclusivamente materiale riciclato. Greenrail può già contare su oltre 75 milioni di euro di commesse per il 2018, provenienti soprattutto dagli Stati Uniti, ma è operativa in oltre 70 Paesi del mondo. Grande successo anche per Cloud4wi, un’impresa che aiuta le aziende a monetizzare i servizi Wi-Fi, concessi gratuitamente ai loro clienti.

Questa startup è stata recentemente finanziata con oltre 11 milioni di euro da un fondo d’investimento americano, liquidità che le permetterà di espandere il suo business in diversi Paesi nel 2018. Tra le migliori startup italiane troviamo anche imprese che lavorano nel settore dell'ingegneria genetica, nel marketing digitale, nei servizi per il mobile, nell’e-commerce, all'automatizzazione, nei servizi relativi ai pagamenti elettronici e nel campo delle energie rinnovabili.

Come abbiamo visto, in Italia le startup innovative non mancano, bisogna avere tenacia ed un approccio strutturato per creare un’impresa innovativa, ma è assolutamente possibile.

Per questo è indispensabile avere un’idea vincente, un modello di business che funzioni e che tenga conto delle reali esigenze delle persone a cui ci si rivolge. Nonostante possa sembrare che ormai sia stato inventato tutto, c’è sempre spazio per un’azienda che offre soluzioni innovative, che riesca ad offrire servizi e prodotti di altissima qualità oppure soluzioni intelligenti ai problemi comuni.

Inoltre scegliere con cautela i propri partner commerciali può essere cruciale per una giovane impresa, grazie a Company Advisor è possibile leggere le recensioni scritte da aziende verso altre aziende e fare delle scelte commerciali oculate. Scopri come funziona

Cosa aspetti… registrati gratuitamente!

Trova le aziende più affidabili con cui fare business! Fornitore o Cliente questa è la community che fa per te!

Questo sito utilizza cookie tecnici per garantirne il corretto funzionamento e migliorare l'esperienza utente. Sono anche utilizzati cookie di profilazione e di terze parti. Continuando la navigazione si accetta l’utilizzo dei cookie